COSA POSSIAMO FARE QUANDO ANSIA E INSONNIA RIDUCONO LA QUALITÀ DELLA NOSTRA VITA?

PERCHÉ È FONDAMENTALE INTEGRARE LA VITAMINA B12 IN SEGUITO ALLA CHIRURGIA BARIATRICA?
26 Maggio 2020
Mostra tutto

Close-up of alarm clock on night table

Già prima della pandemia da Coronavirus, almeno un terzo degli italiani soffriva di disturbi del sonno, con difficoltà nell’addormentarsi o frequenti risvegli notturni. Dopo gli avvenimenti dell’ultimo periodo, e gli importanti cambiamenti che la nostra quotidianità ha subìto, l’insorgenza di questo genere di disturbi è diventata, purtroppo, molto più comune.
Infatti, le preoccupazioni di questi giorni, una routine completamente diversa dal solito, il rientro al lavoro dopo il lungo periodo di lockdown, hanno avuto effetti negativi non solo sul sonno ma anche sul nostro umore: può capitare di provare più frequentemente ansia, preoccupazione, fino a veri momenti di panico.

ANSIA E SONNO SONO CORRELATI?

Quello tra ansia e insonnia è un binomio che in tanti, purtroppo, conoscono bene. L’ansia è una condizione psicologica naturale per il nostro organismo: quando siamo di fronte ad una situazione che percepiamo insidiosa, l’ansia diventa protagonista rendendoci però più attenti e pronti a reagire. Quando, però, si manifesta anche in assenza di minacce reali, con una frequenza e un’intensità tale da compromettere le normali attività di tutti i giorni, può influire negativamente sulla qualità della vita. In più questa costante presenza di uno stato d’ansia non può che influire sul nostro sonno, provocando inevitabilmente gravi conseguenze: quando la difficoltà ad addormentarsi diventa frequente o addirittura una costante quotidiana, sia il corpo, sia la mente possono risentirne pesantemente.

COSA SONO I DISTURBI DEL SONNO?

I disturbi del sonno si possono suddividere in due categorie: da una parte ci sono tutte le persone che fanno molta fatica ad addormentarsi ma riescono a portare a termine il loro riposo risvegliandosi solo al mattino; dall’altra vi sono invece soggetti che si addormentano facilmente ma che si svegliano nel cuore della notte o nelle prime ore della mattina senza poi riuscire a riaddormentarsi.
Normalmente, il cosiddetto ciclo sonno-veglia, definito come l’alternanza delle fasi di sonno e di veglia, è perfettamente regolato da un ormone prodotto dalla ghiandola pineale, che si trova alla base del cervello, che è la melatonina. La melatonina viene prodotta solo quando è buio, ed il suo effetto principale è quello di indurre il sonno: poco dopo la comparsa dell’oscurità, le sue concentrazioni nel sangue aumentano rapidamente e raggiungono il massimo tra le 2 e le 4 di notte per poi ridursi gradualmente all’arrivo del mattino.
Proprio in virtù di questo suo centrale effetto nell’induzione del sonno, la melatonina si è dimostrata efficace per ripristinare i naturali ritmi biologici dell’organismo: per ottenere l’effetto benefico della melatonina sulla riduzione del tempo per prendere sonno è sufficiente assumerne 1 mg poco prima di coricarsi.

ESISTE UN MODO PER CONTROLLARE L’ECCESSIVA ANSIA?

L’ansia è una risposta naturale che fa parte della natura umana. In molti casi è utile, perché permette di rispondere a un pericolo imminente prendendo le misure adeguate ad affrontare la situazione. Può accadere, però, che diventi eccessiva: prima di un esame, di una riunione o presentazione importante, ma anche nella quotidianità del lavoro, la sensazione di ansia può prendere il sopravvento impedendoci di reagire con serenità e concentrazione.
Esiste però una soluzione: il mio-inositolo. Questa molecola aiuta la normale attività del sistema nervoso centrale, facilitando il rilascio di serotonina, conosciuta anche come “ormone della felicità” e noradrenalina: queste molecole sono proprio coinvolte nel mantenere buonumore e serenità, e proprio per questo il mio-inositolo viene impiegato comunemente per le sue spiccate attività antidepressive e ansiolitiche. In più, grazie anche alla capacità di attraversare agevolmente la barriera emato-encefalica, il mio-inositolo è capace di agire rapidamente ed in modo estremamente efficace. In più, il mio-inositolo ha anche un importante ruolo nella gestione delle turbe psichiatriche, come la depressione e il disturbo ossessivo-compulsivo.

La soluzione definitiva, per combattere gli stati d’ansia e i disturbi del sonno è MIONYTE® ORO, l’integratore orosolubile a base di mio-inositolo e melatonina. La compresse orosolubile lo rende facile da assumere e rapidamente efficace, per garantire il ripristino dei normali cicli sonno-veglia e per mantenere una serenità quotidiana.

Per saperne di più, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *